Governo Monti,governo di rapina - proletaricomunistitaliani

Vai ai contenuti

Governo Monti,governo di rapina

Aree tematiche > Lavoro
Share |
GOVERNO MONTI, GOVERNO DI RAPINA!


La sezione  comunista di Via Ugento al Quarticciolo (Roma) ha ospitato, sabato 26  maggio scorso, una partecipata assemblea popolare aperta alle forze  della sinistra, per un confronto sulla grave situazione in cui si  trovano i lavoratori e le loro famiglie, i giovani, le donne, i precari,  i disoccupati. Alla proposta di Proletari Comunisti Italiani hanno  risposto i più rappresentativi partiti della sinistra, mentre altri,  come Csp, non hanno risposto all’invito.
La posizione di Pci è molto  chiara ed è espressa efficacemente dallo slogan scelto per l'iniziativa:  "I lavoratori, le donne, i giovani, dicono No al governo affamatore e  liberticida.
Aumenta l'acqua, la luce e la benzina, governo Monti,  governo di rapina". Nella sua introduzione Cristina Benvenuti (Pci) ha  invitato a un confronto su questi temi, e indicato la disponibilità di  Pci a valutare la formazione di un fronte elettorale alternativo ai  partiti che sostengono il governo Monti (Pd, Udc, Pdl).
Su una cosa tutti i partecipanti sembrano essere d'accordo: bisogna "staccare la spina al governo".  
"La  situazione diventerà sempre più grave - afferma Giuseppe Caroccia,  dirigente del Partito della Rifondazione Comunista - aumenteranno i  licenziamenti e nel mirino ci sarà sempre di più chi si oppone a questo  stato di cose. Dobbiamo riflettere bene su quello che è successo negli  ultimi mesi, perché la gravità della situazione si intuiva già ad  agosto, ma la reazione della sinistra è stata fin troppo debole. Monti  si è permesso di fare cose che in altri paesi europei avrebbero generato  grandissime proteste. E allora è arrivato il momento di muoversi anche  qui, con urgenza". Secondo Roberto Soldà, segretario romano dell'Italia  dei Valori, quello dei tecnici al governo è un equivoco da cui liberarsi  al più presto. "Non c'è una famiglia a Roma senza problemi di casa,  lavoro, sanità. Bisogna rimettere al primo posto dell'agenda politica il  bene comune, i cittadini e i lavoratori. Dobbiamo lavorare per l'unità  poiché in momenti come questi è alto anche il rischio che si generi un  terreno fertile per il fascismo. Stranamente negli ultimi tempi diverse  organizzazioni fasciste dimostrano una larga disponibilità economica…”.
Su  queste posizioni anche Dino Fasciglione, coordinatore di Sinistra  Ecologia e Libertà del VII municipio. "Oggi anche un piccolo evento  imprevisto come la rottura di un elettrodomestico o di una caldaia  genera una grande apprensione nelle famiglie. Bisogna pensare a questo,  altro che lo spread e l'economia finanziaria. Spero che qualcuno si  prenda le sue responsabilità e mandi a casa questo governo".
Sulla  proposta di Pci è intervenuto Claudio Ortale, consigliere Prc del XIX  municipio di Roma. "La situazione ci impone di ricercare l'unità e  l'alternativa al centro-sinistra. Come esempio vorrei portare quello di  alcuni manifesti apparsi a Roma in questi giorni in cui il Pd si dice  contrario alla 'svendita' di Acea. Qunidi non alla sua cessione, ma solo  al fatto che sia venduta a poco prezzo. E questo dopo che il popolo si è  espresso molto chiaramente sull'acqua pubblica. E allora non possiamo  che guardare oltre anche costruendo un'aggregazione alternativa". Hanno  poi preso la parola anche diversi cittadini intervenuti all’assemblea.  L’intervento che ha riscosso più consenso ha riguardato l’atteggiamento  dei partiti di sinistra nei confronti del Partito comunista italiano.  “In questi anni abbiamo visto un continuo attacco alla sua storia e  certo nessun partito di sinistra l’ha difeso. Ma la verità è che se ci  fosse stato il partito, Berlusconi non sarebbe durato un mese...”.

Roma 26/05/2012
Share |
Torna ai contenuti