La figura del compagno generale Giap - proletaricomunistitaliani

Vai ai contenuti

La figura del compagno generale Giap

Dossier
Share |
Si è spento a 102 anni ad Hanoi il comunista che trasformò Rambo in Fantozzi.

LA FIGURA DEL COMPAGNO GENERALE GIAP RISCHIARA IL NOSTRO CAMMINO, SCACCIANDO LE OMBRE DEL PESSIMISMO E DEL DISFATTISMO
Di Norberto Natali

Siamo troppo deboli, senza appoggi né mezzi, non ce la faremo  mai perché il nemico è troppo forte e ricco”, “abbiamo tentato tante  volte ed è finita sempre male, forse un tempo potevamo farcela, ma ora  no, il nemico è divenuto imbattibile”: questo stato d’animo era molto  diffuso (anche ad arte) quando il giovane Vo Nguyen Giap cominciava a  cimentarsi con i problemi del suo popolo, nel Vietnam centrale, dove era  nato nel 1911.

Gli stessi sentimenti serpeggiano sempre un po’  ovunque: incalzavano le forze antifasciste e i nostri partigiani,  circolavano perfino  nel nostro Risorgimento o a Cuba nel periodo  dell’assalto al Moncada. Figuriamoci se non devono imperare oggi!

Per  gli opportunisti e i vigliacchi l’avversario possiede sempre qualcosa  di nuovo che rende inutile e velleitario ogni ideale di riscossa e  liberazione. Ora potrebbe trattarsi di tecnologie e televisioni, prima  era l’arma nucleare e prima ancora l’aviazione… Nel tempo perfino  l’invenzione dell’archibugio ad avancarica sarà servita come pretesto  per scoraggiare le lotte e tentare di affievolire la fierezza e la  combattività degli oppressi e degli sfruttati!

Il popolo indomito del Vietnam

La patria di Giap, il Vietnam, fu invasa dai colonialisti  francesi a partire dal 1858 e dopo circa trent’anni divenne  ufficialmente una colonia della Francia che le impose il nome di  Indocina.

Il popolo vietnamita, nobile e generoso, non subì mai  pavidamente l’oppressione: la mobilitazione e la lotta contro il dominio  coloniale quasi non ebbero pause e furono tentate diverse rivolte e  insurrezioni, tutte finite male e represse con la ferocia sanguinosa  tipica delle potenze capitaliste e dell’imperialismo. I vietnamiti  conobbero le ghigliottine, che funzionarono molto intensamente.

Quelle  lotte però erano dirette da intellettuali e da forze piccolo-borghesi,  perciò non potevano vincere: erano incapaci – e forse anche timorose –  di mobilitare e impegnare nella battaglia la grande forza del  proletariato, assegnando a questo il ruolo che gli spettava.

Non a  caso il compagno Giap studiò, riportandolo nei suoi libri, il  Risorgimento italiano, soffermandosi sul modo in cui lo stato dei Savoia  riusciva a perdere le proprie guerre a metà dell’800 proprio perché non  voleva (o non riusciva) dare vita ad una guerra di popolo: in quel  caso, infatti, avrebbe dovuto ricorrere anche all’organizzazione del  proletariato. I Savoia si limitarono invece, col solo esercito  istituzionale, a quella che Engels definì ironicamente “una onesta  guerra borghese”….persa, per l’appunto.

Al fianco di Ho Chi Min contro gli invasori giapponesi

V. N. Giap era figlio di contadini che riuscirono, con molti  sforzi, a farlo studiare ad Hanoi dove ebbe modo di leggere alcuni libri  di Marx ed Engels, venendone conquistato. Nel 1930 il compagno Ho Chi  Min fondò il Partito Comunista di Indocina, del quale il giovane Giap  divenne militante. Iniziò la lotta, con basi nuove ed impostazione  diversa dal passato, contro gli imperialisti francesi, i quali,  nell’ambito degli avvenimenti della seconda guerra mondiale, furono  soppiantati dai giapponesi.

Nel 1941 il Partito Comunista fondò  il Viet Minh (Lega per l’indipendenza del Vietnam) che organizzò tutte  le forze sociali, religiose, culturali e politiche disposte a battersi  per l’indipendenza e la libertà contro gli invasori stranieri, qualcosa  di simile al nostro CLN. Giap ne divenne ben presto responsabile  militare.

Il Giappone (alleato dei nazisti e dei fascisti) era in  guerra contro la Francia e gli altri suoi alleati; perciò il Viet Minh  propose alle truppe francesi ancora presenti in Vietnam – e con le quali  era in precedenza in guerra – un’alleanza antifascista. La risposta fu  un rifiuto. Per inciso: nessuno, sulla stampa borghese, ricorda mai  questo episodio (ce ne sarebbero anche diversi altri relativi ad altri  stati capitalisti), perché non fa comodo al teatrino della propaganda  anticomunista.

Il Viet Minh, con alla testa il Partito Comunista,  condusse la guerra partigiana contro i militaristi giapponesi,  riuscendo finalmente a cacciarli completamente nel 1945 dopo aver  assediato e liberato Hanoi.

Il successo del Viet minh e l’invasione francese

All’inizio del 1946 si svolsero le prime elezioni libere e il  Viet Minh ottenne il 76,7% dei seggi parlamentari (ad Hanoi riscosse il  98,4% dei voti); il compagno Ho Chi Min fu eletto Presidente del Vietnam  e Giap divenne Ministro della Difesa. Per prima cosa tentarono un  accordo pacifico con i francesi (che dopo la fine della seconda guerra  mondiale, durante la quale ancora mantenevano proprie truppe in Vietnam,  rilanciavano le proprie pretese coloniali), cercando un ragionevole  compromesso per salvaguardare l’indipendenza del paese. Il governo  francese finse di accettare un accordo ma era solo un trucco e tradì  immediatamente la firma apposta invadendo il paese.

Dalla vittoria a Dien Bien Phu alla guerra con gi Usa

Cominciò così una nuova guerra di liberazione, che si concluse  nel 1954 con la battaglia di Dien Bien Phu, magistralmente preparata e  diretta dal compagno Giap. Da allora viene studiata in molte accademie  militari (anche occidentali) perché è considerata un capolavoro: benché i  francesi fossero più numerosi e molto meglio attrezzati, subirono la  disfatta definitiva e vennero finalmente cacciati (dopo quasi cento  anni) dal Vietnam.

Seguì un accordo di pace (cominciava a farsi  sentire l’ingerenza USA ed inglese) secondo il quale il Vietnam veniva  diviso in due zone (era appena finita la guerra scatenata con  l’invasione USA della Corea): una al nord, libera, e una al sud  temporaneamente affidata al governo di un fantoccio degli  angloamericani, un certo Diem, una sorta di mafiosetto o di Berlusconi  locale, se vogliamo definirlo in termini attuali.

Il punto  centrale dell’accordo, però, era che nel 1956 si sarebbero dovute tenere  libere elezioni in tutto il territorio nazionale, che avrebbero deciso  democraticamente il futuro assetto del Vietnam. Ovviamente non si  tennero mai poiché gli USA e il loro fantoccio sapevano bene che anche  al sud avrebbe stravinto il fronte (guidato dal Partito Comunista) delle  forze che volevano l’immediata riunificazione, l’indipendenza e la vera  libertà del Vietnam. Così, al sud, iniziò una feroce dittatura di quel  tale Diem, la quale si giovò – come abbiamo imparato bene in tanti casi –  di  crescenti “aiuti” dagli USA, consistenti soprattutto nell’invio di  “tecnici” militari e poi di veri e propri contingenti di truppe.

La nuova guerra partigiana

Perciò iniziò una nuova guerra partigiana nel territorio dello  stato fantoccio per la democrazia e l’indipendenza, di fronte alla quale  aumentarono progressivamente la violenza terroristica della dittatura e  la presenza attiva degli USA. La figura ed il governo del tiranno  fantoccio erano talmente sanguinarie, odiose, impresentabili da  costringere gli stessi statunitensi a sbarazzarsene, provocando un colpo  di stato nel regime del sud che impose una dittatura militare, la quale  non migliorò le cose.

I crimini americani in Vietnam

Le forze partigiane del sud, ovviamente, hanno sempre potuto  contare sulla solidarietà del nord e particolarmente sulle capacità del  compagno Giap. Come ritorsione per la crescente forza della lotta  partigiana, gli “amerikani” iniziarono, nell’estate del 1964, il  bombardamento di Hanoi. Per molti anni, tutte le notti senza alcuna  eccezione, enormi squadroni di aerei B52 bombardarono pesantemente la  città. Il bombardamento di Hanoi deve essere annoverato tra i più feroci  crimini di guerra della storia ed essa va ricordata come una città  martire non meno di Guernica (o altri casi  famosi) ed eroica.

Dopo  di che gli USA scatenarono direttamente la guerra contro il Vietnam (e  poi anche contro il Laos e la Cambogia) arrivando a sbarcare, nella  seconda metà degli anni ’60, almeno 800.000 soldati. Per farlo,  ricorsero a un “trucchetto” di quelli che oggi abbiamo imparato a  conoscere bene come la “scoperta” delle armi chimiche di Saddam dieci  anni fa (falsa per tardiva ammissione degli stessi USA). Si trattò del  noto incidente del Tonchino (il grande golfo che bagna il Vietnam) con  il quale, in breve, gli USA finsero che proprie navi militari fossero  state attaccate da quelle della marina vietnamita.

Le armi chimiche degli americani

La sporca guerra del Vietnam occupa un posto particolare nella  storia sia per la vittoriosa prova di dignità e fierezza dei vietnamiti,  sia per la brutale e implacabile ferocia degli invasori. Il mondo  conobbe la parola “escalation” che rifletteva il carattere crescente e  progressivo della spietata violenza yankee e del governo fantoccio. E’  utile ricordare, proprio oggi, solo un altro dettaglio di quella barbara  aggressione: l’uso massiccio e capillare delle armi chimiche. Fu allora  che tutti sentirono nominare il napalm, un veleno che aveva il potere  di bruciare la vegetazione; era un cosiddetto defoliante, perché il suo  effetto era la completa caduta delle foglie, del disboscamento, al fine  di eliminare ripari e protezione dei partigiani.

Il Vietnam  divenne una terra martoriata dall’attacco chimico ed il popolo  vietnamita, forse, è quello che più di tutti al mondo ha sofferto,  proporzionalmente, per le gravissime  e mortali malattie che ne  derivarono, le quali colpirono in particolare le donne  in gravidanza, i  feti e i bambini. Nelle campagne vennero istituiti numerosi campi di  concentramento (grottescamente definiti “villaggi fortificati”) nei  quali eraano imprigionati i contadini e le loro famiglie e spesso  avvenivano stragi di stampo nazista, con la fucilazione indiscriminata  di tutti: donne, vecchi, bambini, ecc.

Una resistenza inarrestabile

La lotta di resistenza si rivelò indomita ed inarrestabile.  Repubblica del Nord e partigiani del sud, esercito regolare e popolo in  armi, solidali con la resistenza del Laos e della Cambogia aggrediti  anche loro, poiché gli USA si illudevano di accerchiare e schiacciare il  Vietnam.

La nostra guerra di Resistenza fu definita come quella  di “un popolo alla macchia”; la guerra dei vietnamiti si può  sintetizzare, allora, come quella di “un popolo nei cunicoli”. Scavarono  innumerevoli chilometri di gallerie, spesso usando mezzi di fortuna. In  moltissimi le usavano per combattere e spesso anche per viverci,  nascondendosi dagli invasori. Rimane memorabile la “pista Ho Chi Min”  ovvero un fitto intrico di innumerevoli sentieri segreti che  attraversavano tutto il Vietnam nascosti nella giungla.

Sbarcati come Rambo, fuggiti come Fantozzi

Alla fine vinsero l’esercito del Nord Vietnam e i partigiani del  Fronte di Liberazione Nazionale del Sud, i quali cacciarono  definitivamente gli statunitensi il 30 aprile (deve trattarsi di un mese  fortunato) 1975, dopo oltre dieci durissimi, sanguinosi anni. Quel  giorno fu liberata Saigon, subito ribattezzata Città Ho Chi Min (il  Presidente morto sei anni prima).

Due immagini che circolarono  allora in tutto il mondo, più di altre, riflettono il significato e la  morale di quei giorni. Una mostra la fuga precipitosa, dal tetto  dell’ambasciata USA di Saigon, dei funzionari americani e dei loro servi  collaborazionisti: si accapigliano caoticamente tra loro per  aggrapparsi in ogni modo ai velivoli che si alzano per fuggire. L’altra  raffigura una giovanissima partigiana con un fucile che ha fatto  prigioniero un soldato americano (alto almeno quaranta centimetri e  molto più robusto di lei), il quale alza le mani impaurito e  sconcertato.

Non è un caso che il film Rambo, riflesso artistico  (neanche dei peggiori) del tronfio militarismo, sia collegato al  Vietnam. Al protagonista viene fatta pronunciare una frase  involontariamente comica, quando dice al suo superiore: “la prossima  volta ci lascerete vincere?” alludendo a quella guerra. La verità è che  sono sbarcati come Rambo e sono fuggiti come Fantozzi e senza più  tornare.
A questo punto è onesto ricordare che la coraggiosa lotta  del popolo vietnamita si avvalse anche dell’impegno di un generoso  movimento di lotta contro la guerra di aggressione USA, sorto negli  stessi Stati Uniti il quale, a sua volta, dimostrò quanto fosse odiosa e  vergognosa quella sporca guerra.

Giap ministro del Vietnam vittorioso

Il  compagno Giap fu sempre Ministro della Difesa del Vietnam ed è  obiettivamente considerato un gigante nella storia militare  internazionale e mantenne pienamente tutte le sue funzioni fino al 1982  quando, a 71 anni e dopo mezzo secolo di dure ma vittoriose battaglie,  poté andare in pensione. Rimase sempre componente del Comitato Centrale  del Partito dei Lavoratori del Vietnam, circondato tuttora dall’affetto e  dall’ammirazione del suo popolo e specialmente dei giovani. In questo  fu certamente più fortunato di Garibaldi che tale è, in un certo senso,  per la storia del Vietnam.

Nel 1975 il Vietnam ritrovò finalmente  la sua unità e la sua indipendenza anche se dovette affrontare, tre  anni dopo, una nuova guerra, certo assai diversa e più breve delle  precedenti, per liberare il popolo cambogiano dalla violenza degenerata  di Pol Pot: altro fatto storico sempre trascurato dal solito teatrino  della propaganda anticomunista.
Le truppe USA hanno fatto la fine di quelle di tutti gli altri invasori che le hanno precedute.

L’opera  del Generale Giap è racchiusa nei seguenti dati della storia  vietnamita: quasi cinquant’anni ininterrotti di guerra (fino al 1979);  un popolo piccolo (numericamente circa come quello italiano) pacifico e  povero contro una feroce dittatura e cacciando quelle che via via erano  tra le principali e più ricche potenze mondiali: la Francia, il Giappone  (per un breve periodo anche l’Inghilterra), di nuovo la Francia e  infine gli USA, tuttora la più forte potenza militare -forse- della  storia. Altro che “ci lascerete vincere?”!
Tutto questo non è un  caso. Da un certo momento in poi, dopo la fondazione del Partito  Comunista di Indocina, il popolo vietnamita ha saputo trovare,  diversamente dal passato, la capacità di vincere.

Il Generale  Giap non era un “tecnico” o un “professionista” della guerra. In primo  luogo era un comunista e studiando il marxismo-leninismo ha saputo  estenderlo al corso della guerra. La sua lezione è che non esiste una  conduzione della guerra che sia separata dalla situazione politica,  dalla direzione politica e dalle prospettive e processi generali.  Proprio per questo anche la lotta politica deve assumere criteri e  impostazioni selezionate dalla teoria militare come non hanno capito,  per esempio, Gorbaciov e i suoi imitatori italiani.

Tutto ciò  significa che non esiste una teoria (tanto meno una tecnica) militare  assoluta, neutra ovvero valida per tutti. Ogni classe, invece, ha il suo  modo di combattere, quello appropriato per la propria vittoria mentre  deve rinunciare a quello della classe antagonista che la vedrà sempre  subalterna e perdente.

La guerra di Giap ha connotati e  radicamento di classe, proletario, essa si fonda sulla combinazione  della guerra convenzionale con la guerra di popolo, di esercito regolare  e popolo armato. Non a caso Giap è stato anche uno scrittore  specialista ed ha voluto citare il compagno Stalin anche in un periodo,  diciamo così, in cui molti potevano ritenerlo “fuori moda” ovvero in un  libro degli anni ’70.
E’ così che un minuto figlio di contadini,  impadronitosi del marxismo-leninismo e partecipando conseguentemente  alla lotta di classe, ha saputo dare un grandissimo contributo al suo  Partito Comunista e alla causa del suo popolo, dimostrando creativamente  come il piccolo può sconfiggere il grande, come non esistano veramente  battaglie perse in partenza o nemici imbattibili a priori.

Una vittoria politica della classe operaia

Le guerre vinte dal popolo vietnamita sotto la direzione  militare del compagno Giap, sono in realtà la vittoria politica della  classe operaia e la realizzazione ed il successo della strategia e della  tattica del Partito Comunista fondato e diretto da Ho Chi Min. Esse  hanno dimostrato che un popolo piccolo e lontano, da molti considerato  arretrato, può rapidamente diventare il popolo più simpatico ed ammirato  del mondo. Il Vietnam seppe guadagnarsi una solidarietà e un rispetto  con ben pochi precedenti in tutto il mondo, mentre costò agli USA un  alto prezzo in termini di consenso e prestigio internazionale.

Il consenso internazionale

“Giap – Giap – Ho Chi Min, Giap – Giap – Ho Chi Min” gridavano masse di giovani negli anni ’60 e ’70.

Alla  fine degli anni ’60 Richard Nixon, presidente degli Stati Uniti, venne  in visita a Roma e non poté fare nulla. Mobilitate essenzialmente dal  PCI e grazie alla sua organizzazione, circa 200.000 persone bloccarono  tutto. La repressione poliziesca fu violenta, decine di persone furono  fotografate con la testa e il volto insanguinati, ma ciò peggiorò la  situazione, contribuendo a paralizzare Roma, seminando il caos e  riempiendo gran parte del centro di gas lacrimogeni.

Nixon riuscì  solo a mantenere un paio di appuntamenti, spostandosi unicamente in  elicottero (forse un presagio di quelli che sarebbero poi stati usati a  Saigon per fuggire) e in tal modo si recò fugacemente anche in Vaticano,  verso sera. Pioveva molto ed una folla, composta e pacifica, di circa  50.000 ombrelli riempì piazza San Pietro: sopra ognuno di essi c’era un  fiocco rosso.

Non si contano i “dispetti” allora subiti dai  simboli USA, specialmente nei porti, come Genova, Livorno,  Civitavecchia, Ancona, Ravenna, Trieste ed altri ancora. Le bandiere  delle imbarcazioni statunitensi duravano poco, era assai raro che quelle  mercantili riuscissero a caricare o scaricare la merce che dovevano  portare o prendere e gli esempi potrebbero continuare.

Tiburtina, Vietnam

Le rare volte che venivano in visita esponenti del Vietnam c’era  sempre il pienone di folla. Ricordo un episodio curioso. Una  delegazione di compagni vietnamiti venne in visita a Roma sulla  Tiburtina e ricevettero un’interminabile omaggio dalle fabbriche, nelle  borgate, tutti li applaudivano nelle strade, tanti portavano loro  (ingenuamente) da mangiare e da bere. Uno di questi momenti fu  completamente sbagliato dai dirigenti locali del Partito: io ero un  ragazzino che frequentava una palestra di arti marziali della UISP e  -confondendo tutto- fu anche organizzata un’esibizione di judo e karate,  perché i compagni pensavano che fosse omaggio al loro folklore (senza  rendersi conto della differenza tra sport giapponese, cinese e  vietnamita).

All’indomani della morte del Presidente del Vietnam  (“lo zio Ho”), nell’estate del 1969, il PCI e la FGCI lanciarono la  “Leva Ho Chi Min”: chi si iscriveva per la prima volta lo faceva per  rendere omaggio alla sua memoria. Personalmente, mi sono sempre  rammaricato di essere -all’epoca- troppo piccolo per entrare nella “Leva  Ho Chi Min”.

SARAI SEMPRE VIVO PER NOI, CARO, LONTANO COMPAGNO  GIAP. PERCHE' SENTIREMO LA TUA PRESENZA OGNI VOLTA CHE LA FIEREZZA  SCONFIGGERA' IL DISONORE, L'ONORE LA PAURA, L'ARDORE IDEALE  L'INDIFFERENZA.

                                                                                                                              Roma 07/10/2013

                                                                                                                   
Share |
Torna ai contenuti