proletaricomunistitaliani

Cerca

Vai ai contenuti

Qualcosa di moderno

archivio

Share |

QUALCOSA DI MODERNO.


Ironia tra rabbia e lacrime.
Quattro operai sono morti ieri nel loro posto di lavoro, in Veneto.
In realtà la vittima avrebbe potuto essere una sola ma altri tre, per corporativismo, hanno cercato di salvare il primo e poi salvarsi tra loro.
Il bilancio poteva essere più grave, poiché altri lavoratori corporativi (anziché agire in modo innovativo) sono intervenuti nel tentativo di salvare i propri compagni.
Purtroppo in Italia ci sono ancora forti sacche di conservatorismo (residuo della lunga dittatura comunista, smascherata da Berlusconi) che riguardano soprattutto molti lavoratori, i quali non imparano nulla dagli imprenditori più moderni e di successo (come il papà di Renzi): bisogna pensare solo a se stessi e pensare solo a guadagnare in ogni circostanza, fregandosene di chi ti sta vicino.
Se in futuro, in una tragica circostanza simile a quella di ieri, vedremo operai mettersi in salvo infischiandosene dei compagni che stanno morendo oppure –ancora meglio- promettere di salvarli in cambio delle tre successive buste paga, allora vorrà dire che l’Italia ha veramente cambiato verso.
Gli animalisti e la gran parte dei politici hanno tirato un sospiro di sollievo: almeno per una volta non sono state perpetrate violenze contro orse, pappagalli e pesciolini rossi.
I rappresentanti sindacali di quei lavoratori morti, invece, non hanno perso l’occasione per sfoggiare le loro superate ideologie: si sono messi a blaterare di responsabilità padronali e mancanza di tutele e diritti per i lavoratori.
Il capo dello stato, scosso dalla notizia, si è indignato perché nel nostro paese, nonostante tragedie come questa, ci ostiniamo a mantenere l’articolo 18. Il presidente della Confindustria ed il figlio dell’imprenditore Tiziano Renzi esortano a non fare i gufi e a non piangersi addosso, bensì a pensare in modo ottimistico e creativo: in fondo ci sono quattro posti di lavoro in più, per dei giovani che vogliono darsi da fare!

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Adria-quattro-operai-uccisi-per-esalazioni-di-acido-Pm-senza-maschere-di-protezione-f984106e-5558-46fe-bf97-cf78202dc42d.html

SEGUICI ANCHE SU FB

Primo piano | Aree tematiche | Dossier | Agitprop | Contatti | archivio | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu